Cibo e vino, 10 abbinamenti per le feste di Natale

Condividi:

Dagli assaggi del Pink Panel alcuni abbinamenti originali per le tavole delle feste

Tanti vini da abbinare

Senza dubbi il periodo natalizio è quello più atteso dell’anno. A Natale, sia i detrattori  sia i tradizionalisti, veniamo risucchiati nel vortice del consumismo che si dissipa immancabilmente a tavola.
Allora, visto che ai cerimoniali luculliani non sfugge nessuno, proponiamo alcuni abbinamenti originali targati Pink Panel. Frutto delle sessioni di assaggio del 2019. Sono giochi di equilibrio tra cibo e vino che renderanno il menù decisamente entusiasmante e poco monotono.

Ricordiamo che il Pink Panel è l’unico gruppo di assaggio 100% al femminile, coinvolge degustatrici esperte e wine lovers accomunate dalla volontà di degustare il vino secondo un approccio  esclusivamente sensoriale, quindi senza attribuire punteggi, bensì  soffermandosi sugli abbinamenti.

il Pink Panel nasce in Abruzzo ad aprile del 2019, da MásWine Experiential Communication di Jenny Viant Gómez. Con cadenza mensile il panel si riunisce sempre in un luogo diverso (dalla barca a vela alla banca) e assaggia campioni di vino che giungono da tutta Italia su scelta spontanea dei produttori.

Degustazione in barca a vela

Le “pink ladies” del Pink Panel – appartenenti a sfere professionali diverse, come sommelier, impiegate, legali, ingegneri, designer, docenti, ecc. – sono al momento 14: Enca Polidoro, Giuliana Rotella, Pasquina Fracassi, Norma Claudia Torrieri, Valentina Bravi, Luisa Avallone, Chiara Mascitelli, Sandra Pantalone, Lucia Cruccolini, Anna Lebedeva, Debora D’Ottavio, Lorenza Mammarella, Malinda Sassu: Capo panel e fondatrice, Jenny Viant Gómez.

I 10 abbinamenti

  1. Taurino Francesco – Brillocco spumante Charmat, extra dry, (da Negroamaro) con caviale, Chiara
  2. Tenuta di Sipio – Millesimato Colline Teatine Igp bianco (pecorino, trebbiano, falanghina) e sushi, Lorenza/ o crudité, capo panel
    Di Spio Millesimato Colline teatine

    Giulia Di Sipio
  3. Chiusa Grande – Vinosophia Cococciola  d’Abruzzo Doc 2018 con asparagi alla Polonaise (briciole di pane arrostite e uovo sodo), Anna

    Vini bio Chiusa Grande
  4. Cotinone – Rosé Nero di Troia Igp e zuppa di pesce, Valentina

    Cotinone rosé
  5. Guardiani Farchione XX Settembre Montepulciano d’Abruzzo con “Lasagna di mia nonna, leggera ma intensa nel sapore”, Pasquina
    Vini Guardiani Farchione

    Dalla degustazione “Il fascino dei vini maturi”:

    Vini del tasting “Il fascino dei vini maturi”
  6. Ca’ del Bosco – Maurizio  Zanella (2001) con uova al tartufo, Enca
  7. Tenuta Rapitalà Solinero (2000) e filetto di maiale nero, Anna
  8. Santi Proemio Amarone della Valpolicella Riserva (1997) e costolette d’agnello al forno con panatura ai pistacchi, capo panel
  9. Nino Negri Vigneto Fracia Valtellina Superiore (1999) e cantucci, Giuliana

Non solo vino

  1. Birra artigianale Garagardo 45, Tramontana Strong Ale, e arrosticini

Etichetta di Tramontana

Retroetichetta di Tramontana

Non c’è che l’imbarazzo della scelta!

© Riproduzione riservata

Condividi:

Related posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: